mercoledì 4 luglio 2012

LE DOPPIE


Come abbiamo ormai imparato, nel Mondo delle Lettere ci sono delle regole che, se non vengono rispettate, creano grande confusione e fanno disperare bambini e adulti…
Ora vi racconto che cosa successe quando nel Mondo delle Lettere non esistevano ancora le doppie.

I bambini che volevano giocare a PALLA, potevano soltanto giocare a PALA; naturalmente non si divertivano perché se la lanciavano rischiavano di farsi male, rotolare non rotolava e scavare, che fatica!!
Un’altra volta, invece, che volevano giocare a nascondino tra le CANNE, si ritrovarono di fronte al grande muso di un CANE che minaccioso mostrava loro i denti e ringhiava: corsero via in tutta fretta a gambe levate e a nascondino più non giocarono.
Che dire poi di quando erano riusciti a leggere la carta del tesoro e invece di trovare una CASSA di dobloni d’oro, si ritrovarono di fronte alla porta di CASA con i loro genitori che li richiamavano a lavarsi o a finire i compiti. Che delusione!!
Ma il bello veniva tutte le sere, quando tutti erano pronti ad andare a dormire, ma invece che arrivare la NOTTE, giungevano le NOTE di una musica, che cullava e faceva piacere, ma di certo non portava il buio…
Nel Mondo delle Lettere c’era un gran disordine e gli abitanti non erano soddisfatti, così Re Alfabeto intervenne in aiuto e disse: - Se il suono è piano, una sola consonante basterà a darti una mano, ma se senti un suono più forte, allora alla consonante doppia apri le porte!
Finalmente nel Mondo delle Parole tornò ordine e serenità: i bambini potevano giocare a PALLA e a nascondino nel bosco di CANNE, mentre i loro genitori scavavano con la PALA o portavano a spasso il CANE. I tesori ritornarono nelle loro CASSE, mentre genitori e figli avevano le proprie CASE. Ma soprattutto ognuno poté finalmente dormire al buio di NOTTE, coccolato dalle NOTE della musica delicata. 








 

Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Nessun indirizzo mail è richiesto, lo spam viene rimosso